Comunicato FL 29 aprile 2018

Ramelli e Pedenovi, Lucente (Capogruppo FDI): Il prossimo anno lezioni nelle scuole sui due omicidi “rossi”. Parlerò con Rizzoli e Commissione. 


Intendo proporre - sia in Commissione sia all’assessore regionale all’istruzione Rizzoli - di discutere nelle classi lombarde, il prossimo anno, gli omicidi di Ramelli e Pedenovi. Vorrei che pensassimo ad un programma utile per ricordare ai ragazzi quello che è successo, perché non dimentichino e perché sappiamo allontanarsi dall’odio che caratterizzò quegli anni, fomentato dalle Brigate Rosse e da Prima Linea. Purtroppo le giovani generazioni non sempre sanno chi erano Ramelli e Pedenovi ed è compito anche della scuola insegnarlo. Potremmo attivare delle lezioni o dei convegni il prossimo anno, magari nei giorni precedenti alle commemorazioni. Intanto noi ci saremo sempre, Fratelli d’Italia ci sarà sempre: anche oggi abbiamo partecipato alla commemorazione di Ramelli e Pedenovi, uccisi dall’estremismo rosso. Ero presente in qualità di Capogruppo in Regione, ma anche in qualità di semplice cittadino che non vuole che vengano dimenticati quei giorni atroci. Abbiamo ricordato, ai Giardini Ramelli, un ragazzo che è stato massacrato a colpi di chiave inglese per la sola colpa di aver scritto un tema sui crimini delle Brigate Rosse: fu picchiato dagli estremisti di sinistra e rimase in coma fino a quando morì, il 29 aprile 1975. Un anno dopo il consigliere provinciale del Msi Enrico Pedenovi venne ucciso mentre leggeva il giornale nella sua auto, con colpi sparati in faccia a bruciapelo da esponenti di Prima Linea.